Trovati neuroni “perfettamente conservati” in un cervello vetrificato dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

0

Trovati neuroni “perfettamente conservati” in un cervello vetrificato dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

tratto da www.iflscience.com

Neuroni “perfettamente conservati” sono stati scoperti in un cervello che è stato vetrificato dal calore generato dalla pioggia di lapilli e cenere dell’eruzione del Vesuvio di quasi 2000 anni fa.

All’inizio di quest’anno, scienziati italiani hanno dettagliato la scoperta del tessuto cerebrale che era stato trasformato in un materiale nero vetroso dalle altissime temperature dell’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. Ora, un nuovo studio ha dato uno sguardo più approfondito a questo incredibile esemplare e ha scoperto la presenza di antichi neuroni preservati dal processo di vetrificazione.

In un nuovo studio, pubblicato oggi sulla rivista PLOS One , i ricercatori guidati dal dottor Pier Paolo Petrone dell’Università Federico II di Napoli hanno riportato quello che sostengono potrebbe essere il miglior esempio di tessuto del sistema nervoso centrale conservato mai scoperto in resti archeologici umani. Utilizzando la microscopia elettronica a scansione e strumenti avanzati di elaborazione delle immagini, il team ha studiato da vicino il cervello vetrificato per scoprire una serie di strutture distinte che sembrano essere neuroni e assoni “eccezionalmente ben conservati” da un cervello umano e un midollo spinale.

“La scoperta di un cervello vetrificato è stata davvero eccezionale, ma il ritrovamento in esso di un intero sistema nervoso centrale costituito da neuroni e assoni è stato assolutamente sorprendente”, ha dichiarato il dottor Pier Paolo Petrone, autore principale dello studio e antropologo forense presso l’Università Federico II di Napoli, ha detto a IFLScience.

PUBBLICITÀ
Frammento di cervello vetrificato trovato nel cranio di un romano ad Ercolano. 
Cortese concessione di Pier Paolo Petrone 

Inoltre, hanno anche trovato una serie di proteine ​​dal tessuto cerebrale umano, confermando ulteriormente che questa non è semplicemente una roccia nera lucida casuale. Identificando le proteine ​​specifiche, il team è stato persino in grado di ottenere informazioni su quali parti del cervello erano incluse in questo campione.

“L’analisi di questo materiale vetroso nero ha mostrato la conservazione di diverse proteine ​​altamente espresse nelle varie parti del cervello umano: corteccia cerebrale, gangli della base, mesencefalo, ghiandola pituitaria,  amigdala, cervelletto, ippocampo, ipotalamo e midollo spinale”, ha spiegato il dott. Petrone.

“Questi geni sono eccezionalmente significativi per le funzioni neuronali poiché le loro mutazioni sono state rilevate in pazienti con patologie cerebrali. Ad esempio, la MED13L, la cui proteina correlata è stata trovata nel cervello vetroso, è stata trovata particolarmente abbondante nel cervelletto adulto e le sue mutazioni sono state rilevate in pazienti con disabilità intellettiva “, ha aggiunto.

Strutture identificate come neuroni e assoni del sistema nervoso centrale. 
Cortese concessione Pier Paolo Petrone 

L’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. è una delle più famose eruzioni vulcaniche della storia, che ha decimato le vicine città di Pompei e Herciulumen, insieme a migliaia di vittime umane. Molte di queste vittime furono sepolte in una coltre di cenere vulcanica, consentendo agli archeologi di versare successivamente del gesso nelle cavità per rivelare  i contorni dei corpi e dei loro sfortunati ultimi momenti di vita. Altre vittime furono semplicemente annientate dal calore della nube piroclastica, seguito da un rapido raffreddamento.

Affinché il tessuto cerebrale subisca il processo di vetrificazione visto qui, il tessuto deve essere stato rapidamente bruciato a una temperatura estremamente alta – forse fino a 520 ° C – e quindi raffreddato rapidamente. Reperti archeologici simili sono estremamente rari, sebbene il team abbia precedentemente osservato che un processo simile si è verificato per le vittime del bombardamento di Dresda nella seconda guerra mondiale.

Foto di copertina CORTESE CONCESSIONE DI PIER PAOLO PETRONE

Share.

Leave A Reply