LE FANTASTICHE IMMAGINI, ALCUNE INEDITE, SCATTATE DALL’US AIR FORCE DURANTE L’ERUZIONE DEL VESUVIO DEL 1944

2

LE FANTASTICHE IMMAGINI, ALCUNE INEDITE, SCATTATE DALL’US AIR FORCE PRIMA E DURANTE L’ERUZIONE DEL VESUVIO DEL 1944

tratto da www.warwingsart.com
Redazione Blue Planet Heart

Immagini a sinistra: La mappa in alto mostra l’area intorno al Vesuvio e alcune delle città storicamente importanti come Napoli, Ercolano e Pompei. L’area oscura ombreggiata rappresenta la regione approssimativamente colpita dall’eruzione del 79 dC. In basso un’immagine satellitare della NASA della stessa area con le città indicate dai puntini rossi. A destra, un’immagine dallo spazio della NASA mostra le caratteristiche del vulcano e del suo cratere più chiaramente. Il 340 ° gruppo bombardieri della US AIR FORCE è localizzato presso l’aerodrono di Pompei vicino a Terzigno, a pochi chilometri dai piedi del Vesuvio (vedi asterischi rossi sulle mappe di cui sopra) nel periodo quando si è verificata l’ultima eruzione del vulcano, tra il 18 e il 23 marzo 1944.



Tre differenti prospettive del Vesuvio da foto scattate nel marzo del 1944 (foto di NARA a College Park, MD).

lI vulcano ha distrutto la maggior parte degli aerei del 340° Stormo Bombardieri (le stime variano da 78 a 88) quasi comeil devastante attacco aereo tedesco alla base ad Alesani, in Corsica, il 13 maggio 1944 (circa 75 aeromobili). All’aeroporto di Pompei il 23 marzo 1944 quasi tutti i bombardieri B-25 Mitchell del 340° erano coperti da cenere bollente che bruciava li controlli superciali, sciogliendo, fondendo o incrinando il plexiglass, facendo collassare anche le code di alcuni  B-25 per via del peso della cenere e dei lapilli


Questi B-25 del 447 ° Squadrone del 321 ° gruppo bombardieri passarono molto vicino al vulcano in eruzione mentre si recavano sugli obbiettivi da bombardare.



Le cinque fotografie del Vesuvio qui sopra sono state acquistate in un mercato delle pulci a Tulsa, in Oklahoma dal geologo Paul Roales e gentilmente concesse a questo sito.
Ogni foto è apparentemente presa il 15 marzo 1944 e contrassegnata sul retro come mostrato nel pannello inferiore destro. Il fotografo era probabilmente su un aereo dell’USAF. Le immagini offrono uno scorcio del vulcano solo pochi giorni prima dell’ultima grande eruzione.

Questa foto sorprendente viene da Dominique Taddei che l’ha avuta da John Sutay, ex 57th Bomb Wing Historian, che è scomparso il 31 maggio 2002. In Corsica, John Sutay era un operatore radio di terra o nel 340 ° BG, 486 ° BS. La foto è stata scattata al di sopra del Vesuvio nel maggio del 1945.

Share.

2 commenti

  1. Pingback: 18 Marzo 1944: l’ultimo risveglio del Vesuvio | Digital Historians

Leave A Reply