La Grande Piramide di Giza potrebbe focalizzare l’energia elettromagnetica nelle sue camere

2

La Grande Piramide di Giza potrebbe focalizzare l’energia elettromagnetica nelle sue camere

E anche se gli antichi egizi probabilmente non erano a conoscenza di questa particolarità, lo studio potrebbe essere importante in futuro per la ricerca sulle nanoparticelle
tratto da www.sciencealert.com

La ricerca teorica di un team internazionale di fisici ha scoperto che la Grande Piramide di Giza può concentrare l’energia elettromagnetica nelle sue camere interne e sotto la sua base. “Le applicazioni dei moderni metodi e gli approcci fisici per le indagini sulle proprietà delle piramidi sono importanti e produttive”,  hanno scritto i ricercatori nel loro articolo . “Potrebbe consentirci di fare nuove scoperte o ottenere nuove informazioni per innescare nuovi interessi nelle piramidi”.

Le radiazioni elettromagnetiche, compresa la luce visibile, le onde radio e le microonde, irradiano onde di campi elettrici e magnetici oscillanti. Ed è tutto intorno a noi per tutto il tempo della nostra vita.

“L’energia elettromagnetica è molto importante nella vita di tutti i giorni e in realtà usiamo e sperimentiamo ogni giorno diversi tipi di energia elettromagnetica”, spiega Antonija Grubisic-Cabo, un fisico dell’Università di Monash che non è stata coinvolta nella ricerca. “Ad esempio, la luce del sole è una forma di onde elettromagnetiche, ma anche le cose comunemente usate nelle nostre case, come le microonde e le radio si basano sull’energia elettromagnetica”.

In effetti, tutta la tua casa è piena di radiazioni elettromagnetiche, sia dalla luce che vediamo, o il Wi-Fi che ti permette di leggere questo articolo. E come tutti sappiamo, il Wi-Fi è in alcuni casi eccezionalmente debole in certe aree.

Per testare il modo in cui le piramidi agivano con queste onde, i ricercatori hanno inizialmente stimato come le induzioni di risonanza (suono prolungato dalla riflessione o dalle vibrazioni) causate dalle onde radio potrebbero essere indotte. “Abbiamo dovuto utilizzare alcune ipotesi”, afferma Andrey Evlyukhin , ricercatore senior della ITMO University in Russia.

https://aip.scitation.org/na101/home/literatum/publisher/aip/journals/content/jap/2018/jap.2018.124.issue-3/1.5026556/20180720/images/medium/1.5026556.figures.online.f5.jpg“Ad esempio, abbiamo supposto che non ci siano cavità sconosciute all’interno e che il materiale da costruzione con le proprietà di un calcare ordinario sia uniformemente distribuito dentro e fuori la piramide”. Quindi i ricercatori hanno creato un modello della piramide e la sua risposta elettromagnetica. Calcolando qualcosa chiamato sezione trasversale dell’estinzione , il team è stato in grado di stimare in che modo l’energia dell’onda viene dispersa o assorbita dalla piramide.

Usando un tipo speciale di analisi chiamato analisi multipolare, i ricercatori hanno scoperto che i campi elettromagnetici si stavano concentrando nelle camere interne della piramide e sotto la sua base. Sebbene si possano fare molte supposizioni su come gli antichi egizi abbiano costruito le loro piramidi, e se lo abbianmo fatto davvero in modo da convogliare le onde radio sui sarcofagi dei loro defunti , è altamente improbabile che conoscessero queste proprietà delle costruzione che avevano edificato, ed è solo una interessante coincidenza nel come le piramidi sono state erette

“Sebbene questa ricerca sembri non convenzionale, i moderni approcci fisici sono stati precedentemente utilizzati per studiare la Grande Piramide e hanno portato alla scoperta di una struttura completamente nuova”, ha affermato Grubisic-Cabo. “Dato che questa ricerca è completamente teorica, è difficile dire a cosa possiamo aspettarci che porti, o se è addirittura possibile farlo nella vita reale.” A parte questo, i ricercatori sperano che possano creare un effetto di concentrazione simile su una dimensione in nanoscala.

“Scegliendo un materiale con proprietà elettromagnetiche adeguate, possiamo ottenere nanoparticelle piramidali con una promessa per l’applicazione pratica in nanosensori e cellule solari efficienti”, afferma Polina Kapitainova, un fisico dell’Università ITMO .

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Applied Physics .

Share.

2 commenti

  1. Rocco D'Errico on

    “… i ricercatori hanno scoperto che i campi sparsi si stavano concentrando nelle camere interne della piramide e sotto la sua base. Sebbene tu possa fare molte supposizioni su come gli antichi egizi stessero organizzando le loro piramidi per creare i migliori assetti radio AM per i morti…”

    Siamo sicuri di parlare di scienza?

    • Scusa ma c’era un errore fatto da me nel mettere il testo. Il senso è questo, e si che si parla di scienza, ma detto in quel modo poteva sembrare come dicevi tu 😀

      “Usando un tipo speciale di analisi chiamato analisi multipolare, i ricercatori hanno scoperto che i campi elettromagnetici si stavano concentrando nelle camere interne della piramide e sotto la sua base. Sebbene si possano fare molte supposizioni su come gli antichi egizi abbiano costruito le loro piramidi, e se lo abbianmo fatto davvero in modo da convogliare le onde radio sui sarcofagi dei loro defunti , è altamente improbabile che conoscessero queste proprietà delle costruzione che avevano edificato, ed è solo una interessante coincidenza nel come le piramidi sono state erette”

Leave A Reply