SVELATO IL MISTERO DEI RAGNI BALLOONING: GLI ARACNIDI VOLANO GRAZIE AI CAMPI ELETTRICI DEL PIANETA

0

SVELATO IL MISTERO DEI RAGNI BALLOONING: GLI ARACNIDI VOLANO GRAZIE AI CAMPI ELETTRICI DEL PIANETA

Sono stati oggetto di bufale storiche dei complottisti, con analisi dei filamenti, che si sospettava fossero generati dalle “scie chimiche”, ma la realtà è molto più scientifica e stupefacente

Sapevi che i ragni possono volare? I biologi chiamano questo tipo di abilità “effetto ballooning (mongolfiera)”. I ragni fanno roteare una striscia di seta, che si protende in aria e via, prendono il volo. Aracnidi aviotrasportati sono stati trovati fino a 4 km di altezza da terra e, anche se originariamente i ricercatori ritenevano che i ragni sfruttassero le correnti d’aria, questa teoria non è assolutamente credibile in quanto i ragni spesso prendono il volo quando l’aria è calma e anche quando le correnti d’aria sono insufficienti a sostenerne il peso. È un mistero.

Gli scienziati dell’Università di Bristol potrebbero aver trovato la soluzione. In un articolo pubblicato nella quinta edizione di Current Biology di luglio , hanno dimostrato che i ragni possono spingere se stessi usando campi elettrici o elettromagnetici

ballooningspider_strip

Appena prima del ballloning, i ragni assumono una postura mostrata qui chiamata “tiptoeing”.

“Abbiamo esposto alcuni ragni Linyphiid adulti ( Erigone ) a campi elettrici simili a quelli che si verificano naturalmente nell’atmosfera terrestre”, spiega l’autrice principale del paper, Erica Morley. “I ragni hanno mostrato un aumento significativo del ballooning in presenza di campi elettrici.” Un video assolutamente sorprendente del loro esperimento mostra un ragno che vola quando i campi  elettrici sono stati accesi, quindi atterra quando i campi elettrici sono di nuovo spenti. Sembra davvero fuori conclusivo e determinante come esperimento.

I campi elettrici utilizzati dai ragni per la propulsione fanno parte del circuito elettrico atmosferico globale della Terra (GEC), un circuito di elettricità di dimensioni planetarie che i ricercatori conoscono dagli anni ’20. In poche parole, i temporali contribuiscono a creare una differenza di carica tra il suolo e la ionosfera a 50 km sopra le nostre teste. La caduta di tensione è di ben 250.000 volt. Questo crea campi elettrici che collegano la Terra al limite dello spazio. I raggi cosmici ionizzano l’atmosfera terrestre, trasformandola in un debole conduttore che consente alle correnti di fluire attraverso il GEC. [ Ref ]

gec_crop

Questo diagramma, preso in prestito dal documento di revisione 2014 di KA Nicoll “Influenza dello spazio atmosferico sull’elettricità atmosferica”, illustra il ruolo dei temporali e dei raggi cosmici nella creazione di campi elettrici.

I ragni si sono evoluti all’interno del circuito elettrico globale, quindi non sorprende che abbiano imparato a sfruttarlo. Ma come? Peter W. Gorham del Dipartimento di Fisica e Astronomia presso l’Università delle Hawaii osserva che “la complessa struttura proteica della seta di ragno include amminoacidi glutammici e arginina che sopportano cariche elettriche, che potrebbero essere generate come parte del processo di filatura mentre i fili vengono generati dagli ugelli affilati della filiera del ragno. “[ Ref ]

I ricercatori si sono a lungo interrogati sul ruolo dell’elettricità nel volo dei ragni. Charles Darwin potrebbe essere stato il primo. Ne scrisse durante i suoi viaggi sull’HMS Beagle (1831-1836). Un giorno, la nave si trovava a 60 miglia dalla costa argentina quando il ponte fu inondato da ragni ballooning. “Il giorno era caldo e apparentemente abbastanza calmo”, ha scritto, eppure “ho ripetutamente osservato lo stesso tipo di piccolo ragno, sia quando si è collocato o dopo aver strisciato su qualche piccolo oggetto, alzare il suo addome, inviare un filo, e poi volare via orizzontalmente, ma con una rapidità alquanto inspiegabile. “Era particolarmente colpito dai ragni che usavano più fili di seta che si allargavano in forme a ventaglio. Invece di aggrovigliarsi mentre si muovevano nell’aria, i fili rimanevano separati. Erano respinti l’un l’altro da una forza elettrostatica? Questo si chiedeva Darwin nei suoi scritti. Il lavoro di Erica Morley e del suo collaboratore Daniel Robert chiude il cerchio su alcune ipotesi durate quasi 200 anni.

spiderhairs_crop

I peli sulle gambe di ragni chiamati “trichobothria” si contraggono quando sono presenti campi elettrici, un segnale al ragno che può iniziare il mongolfiera.

Tutto ciò solleva la possibilità che i ragni possano essere influenzati dalle condizioni meteorologiche spaziali dal momento che i campi elettrici vengono turbati dai raggi cosmici e dall’attività solare. Gruppi di ricerca hanno dimostrato connessioni tra il tempo atmosferico e l’elettricità atmosferica su una varietà di scale temporali:

Giorni: le espulsioni di massa coronale (CME) dal sole possono spazzare via i raggi cosmici mentre passano per la Terra, causando temporanee riduzioni della ionizzazione atmosferica fino al 30%. I nostri palloni a raggi cosmici Spaceweather.com/Earth to Sky hanno misurato questi eventi. [ Ref ]

Mesi: Le misurazioni all’Osservatorio Atmosferico dell’Università di Reading nel Regno Unito hanno dimostrato che le tensioni possono oscillare di + -15% quando la Terra entra e esce dal foglio di corrente eliosferico (un’enorme struttura magnetica ondulata centrata sul sole) ogni 27 giorni. [ Ref ]

Anni: durante il XX secolo, le tensioni atmosferiche in Scozia e nel Regno Unito sono diminuite di circa il 25% a causa di una diminuzione a lungo termine dei raggi cosmici. [ Ref ] Questa tendenza lenta si sta ora invertendo, mentre i raggi cosmici si intensificano di nuovo.

I filamenti che i complottisti ritenevano frutto delle “irrorazioni delle scie chimiche”

I modelli di migrazione dei ragni ballooning potrebbero essere influenzati dalle condizioni meteorologiche spaziali? “È del tutto possibile, ma semplicemente non lo sappiamo ancora”, dice Morley. “Gli esperimenti che abbiamo effettuato sono per lo più basati su prove di laboratorio, che aiutano ad eliminare le variabili che possono confondere la ricerca. Un passo successivo nel progetto è quello di portare tutto questo sul campo e cercare di elaborare dei modelli. Il factoring nell’attività solare potrebbe essere molto interessante. “

Share.

Leave A Reply