12 agosto 1953: un fortissimo terremoto di Mw 7.3 devasta l’isola di Zante in Grecia

0

12 agosto 1953: un fortissimo terremoto di Mw 7.3 devasta l’isola di Zante in Grecia

20767926_1644656605557920_8511589748392474793_n
L’8  agosto alle 10.00, il primo evento sismico colpì duramente l’isola e alcuni edifici furono danneggiati, ma nnon venne segnalato alcun ferito. La maggior parte del pensiero, per tutti, era che il peggio fosse passato e tutta la popolazione tornò alla proprioa quaotidianità. Ma, alle 5.35 dell’11 agosto, un altro terremoto molto più forte colpì più duramente gli abitanti di Zakynthians (Zacinto). Una scossa della durata di 30 secondi distrusse il 75% degli edifici dell’isola di Zante e gli altri furono lesionati in tal modo da dover essere abbattuti. Tutto ciò nonostante Zakynthos fosse stata colpita duramente, sorprendentemente non ci furono morti e solo alcuni feriti.

Tuttavia, madre natura non aveva finito la sua furia. Ed un  terremoto, ancora più potente, colpì la regione il 12 agosto 1953, esattamente alle 11.24 del mattino. Colpì la punta meridionale dell’isola di Cefalonia. Questo terremoto. di Mw 7,3 della scala Richter, sbricilolò letteralmente Zacinto causando un gigantesco incendio che devastò la città, la gente era intrappolata e non poteva scappare e il fuoco avvolse completamente gli abitanti intrappolati. 82 persone furono trovate morte e identificate e centinaia di altre morirono ma furono rese irriconoscibili a causa dell’incendio.

20800052_1644656555557925_1638066108181736621_n

L’evento più forte ha sollevato l’intera isola di Cefalonia di 60 centimetri. Il terremoto è generalmente noto come il grande terremoto di Cefalonia, ma il danno fu  molto pesante nella capitale di Zante. Solo quattro edifici sono sopravvissuti al terremoto, l’edificio dove oggi si trova la Banca nazionale di Grecia, la chiesa del santo patrono Dionysios e la scuola elementare che si trova vicino ad essa chiamata Ammou e la casa di Sarakini tou Giofiri. Il resto della capitale dell’isola fu ricostruito insieme alle case dei villaggi.

20708119_1644656632224584_1845605277154115036_n
Le navi della Royal Navy HMS Gambia e HMS Bermuda furono tra le prime sulla scena. Inoltre, quattro navi da guerra israeliane hanno ricevuto richieste di aiuto provenienti dall’isola di Cefalonia e le navi dirette sull’isola, ma solo la flotta israeliana poteva effettivamente accedere alle acque poco profonde I marinai fornivano assistenza medica di emergenza, cibo e acqua. Questa è stata la prima volta che Israele ha fornito aiuti a un’area colpita da disastri.

Devastazione a Cefalonia, agosto 1953.

Devastazione a Cefalonia, agosto 1953.

Secondo la Legge del Mare di quel tempo, la prima forza di soccorso ad arrivare sulla scena prende il comando dell’operazione, e poiché la marina israeliana è stata la prima a sbarcare sulle coste di Cefalonia, ha preso il comando e ha anche diretto le operazioni di salvataggio delle flotte americane e britanniche.

Per tre giorni e tre notti 450 uomini della marina israeliana hanno avorato fianco a fianco con membri delle marine americane e britanniche per fornire soccorso agli abitanti delle isole greche, salvando centinaia di persone dalla morte, trasportando 400 persone gravemente ferite negli ospedali della terraferma e fornendo assistenza medica assistenza a 16.000 residenti locali.

Nel suo blog “Seven Seas – note dal Grande Blu” , Yiftach Kozik descrive vividamente i luoghi incontrati dal personale navale israeliano che arrivava nelle isole devastate:

“Enormi zolle di terra cadevano nell’acqua a velocità tremende, la cima del Monte Ainos sull’isola di Cefalonia sembrava come se si fosse divisa in due, colonne di fumo che si alzavano dalle fessure potevano essere viste in tutta la città, e incendi terribili erano scoppiati nei magazzini degli oli d’oliva e stavano bruciando tutto ciò che rimaneva … nella maggior parte del villaggio dell’isola non restava in piedi un solo edificio, e migliaia erano feriti in condizioni critiche, tra cui donne incinte, anziane e giovani, persone con arti amputati e schiacciati, e tutti avevano bisogno di un aiuto immediato … il punto di raccolta era situata su un pontile del porto centrale dell’isola, il dottor Ashkenazi, medico anziano della flottiglia, insieme al suo più giovane collega, il dottor Seelenfreud, erano incaricati del trattamento medico , distribuendo le limitate risorse mediche e eseguendo il triage. Le squadre israeliane hanno eseguito interventi di emergenza: una pelvi fratturata, fratture craniche, parti prematuri, fratture complesse, emorragie, attacchi di panico, disperazione e devastazione ovunque … “

Oltre al danno fisico, l’impatto economico è stato molto maggiore con miliardi di dollari di danni e migliaia di persone in fuga dalla regione con destinazione Atene, con una maggioranza che emigrò come rifugiati in Canada, negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Il New York Times ha riferito del terremoto e delle navi alleate che hanno accelerato per sostenere gli sforzi di soccorso

Il New York Times ha riferito del terremoto e delle navi alleate che hanno accelerato per sostenere gli sforzi di soccorso

Questo non è stato il primo grande terremoto a colpire la regione. Solo mezzo secolo prima, il 17 aprile 1893, Zakynthos fu colpita da un tremendo terremoto che distrusse gran parte della città principale.

Per informazioni sulla sismicità della zona clicca qui

Share.

Leave A Reply