Pubblicate nuove stupende mappe interattive della Zealandia, il continente perduto del Pacifico Meridionale

0

Pubblicate nuove stupende mappe interattive della Zealandia, il continente perduto del Pacifico Meridionale

Tratto da www.iflscience.com

Quando hai studiato geografia alle elementari avevi sicuramente imparato che ci sono 6 continenti sul nostro pianeta , Africa, Asia, Antartide, Oceania, Europa, e America ( che qualcuno divide in Nord e Sud America), ma molti geologi sostengono che anche il continente sommerso della Zelandaia dovrebbe essere considerato parte di questa classificazione.

Grazie a un nuovo progetto, ora possiamo ammirare una serie di meravigliose mappe che descrivono in dettaglio questo continente perduto da tempo. Il continente della Zealandia, noto anche come Te Riu-a-Māui, è un continente di 5 milioni di chilometri quadrati scoperto nel Pacifico sud-occidentale. A parte le terre emerse della Nuova Zelanda, della Nuova Caledonia e di alcune isole del Pacifico, fino al 94 percento dell’ “ottavo continente” è attualmente al di sotto delle acque al largo della costa orientale dell’Australia. Nel 2017, i geologi della Nuova Zelanda, della Nuova Caledonia e dell’Australia hanno concluso che la Zealandia ha tutte le caratteristiche necessarie per essere definita come un continente , non solo un microcontinente o un frammento continentale.

I geologi del gruppo di ricerca neozelandese GNS Science hanno pubblicato una serie di meravigliose mappe che mostrano la batimetria (la forma del fondo oceanico) e le origini tettoniche del continente terrestre. Puoi accedere alle nuove mappe e dashboard cliccando qui .

“Gli utenti possono eseguire lo zoom e spostarsi tra le diverse webmap tematiche geoscientifiche della regione. Possono facilmente visualizzare e interrogare le mappe e attivare o disattivare i livelli. Possono anche utilizzare le funzionalità di query negli strati e generare mappe personalizzate,”ha spiegato Vaughan Stagpoole, leader del programma, in un comunicato .

La mappa tettonica di Te Riu-a-Māui / Zealandia.La crosta continentale è mostrata in tonalità rosse, arancioni, gialle e marroni e quella oceanica in blu. La crosta dell’arco dell’isola è rosa e la grande crosta della zona ignea è in verde. GNS Science

“Abbiamo creato queste mappe per fornire un quadro accurato, completo e aggiornato della geologia dell’area della Nuova Zelanda e del Pacifico sud-occidentale; meglio di quanto non avessimo avuto a disposizione prima”, ha aggiunto il dott. Nick Mortime, geologo presso GNS Science .

“Il loro valore è che forniscono un nuovo contesto in cui spiegare e comprendere l’ambientazione dei vulcani della Nuova Zelanda, i confini delle placche e i bacini sedimentari”, ha continuato.

La Zealandia nacque tra 79 e 83 milioni di anni fa quando si staccò dal Gondwana, un antico supercontinente che esisteva fino all’era giurassica (circa 180 milioni di anni fa). I resti del Gondwana costituiscono circa i due terzi dell’area continentale di oggi, tra cui Sud America, Africa, Antartide, Australia, subcontinente indiano, Arabia e, ultimo ma non meno importante, la Zealandia. La Zealandia ebbe alcuni colossali cambi di altitudine tra 50 e 35 milioni di anni fa, poi affondò fino a diventare la massa terrestre e il continente sommerso che vediamo oggi.

Pur se una serie di progetti ha cercato di comprendere meglio la Zelandaia negli ultimi anni, c’è ancora molto da imparare su questo continente in gran parte nascosto.

GNS Science

 

Share.

Leave A Reply